DOPO L’APERTURA DELLA CASA DI VALE A PIAZZA NAVIGATORI, APRIRANNO QUELLE DI VIA LEONORI E CASALE GARIBALDI

Legge “Dopo di noi”: al via nuove case famiglia

di Stefano BAIOCCHI

Sin dall’anno 2004 è attivo, infatti, il progetto “Casa nostra” rivolto a 32 persone con disabilità in età adulta, tra i 25 e i 55 anni, suddivise in otto gruppi, che frequentano la struttura per sei settimane l’anno.

Nel tempo, si è rilevata l’esigenza comune di realizzare piccole residenze con una capienza massima di sei posti, al fine di poter proseguire il percorso di autonomia e di integrazione sociale dei partecipanti pur nelle vicinanze dei propri familiari, destinando a tale scopo risorse immobiliari di proprietà; già nell’anno 2009, è stata aperta nel territorio municipale la “Casa di Franco” per sei persone disabili, che precedentemente avevano frequentato “Casa Nostra” nel loro percorso di preparazione.

Sulla base di queste esperienze, altamente positive, altri due nuclei hanno messo a disposizione appartamenti di proprietà da destinare alla realizzazione di case famiglia, e già nel 2014 era stata avanzata al Campidoglio la richiesta per la realizzazione dei due progetti, che tuttavia, nonostante gli apprezzamenti, in questi anni non ha avuto riscontri. Finalmente, con il lavoro svolto dai Servizi Sociali di concerto con l’Assessora Alessandra Aluigi per superare i numerosi scogli della burocrazia, il 6 novembre scorso si è potuta inaugurare la “Casa di Vale” in Piazza dei Navigatori e destinarla a sei persone con handicap di livello medio.

Nello stesso mese, con l’aiuto dell’Associazione Asilo Savoia ed i fondi stanziati dalla Regione Lazio, hanno preso il via i progetti di residenzialità di “Via Leonori” e della “Cooperativa Garibaldi”, che saranno operativi già a partire dal mese di dicembre 2020. Nel prossimo futuro, infine, è prevista l’attivazione della “Casa di Lanfranco”, destinata a quattro persone disabili, che presentano una buona autonomia personale e sociale, e che sono già inserite in percorsi di inclusione lavorativa.


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail