Cento idee per Natale

Cento idee per Natale

di Valerio Maccari

Natale. La festa della natività del Cristo, convenzionalmente celebrata il 25 dicembre.
Anni di studi hanno dimostrato che i Padri della Chiesa non la conoscevano: si è oggi universalmente d’accordo nel ritenere che la festa del Santo Natale, infatti, …..

Cento idee per Natale

di Valerio Maccari

Natale. La festa della natività del Cristo, convenzionalmente celebrata il 25 dicembre.
Anni di studi hanno dimostrato che i Padri della Chiesa non la conoscevano: si è oggi universalmente d’accordo nel ritenere che la festa del Santo Natale, infatti, sia di origine romana. Ed è certo che a Roma, anticamente, il 25 dicembre si celebrava il “dies natalis invicti Solis”, la nascita del Sole Invitto. Successivamente, questa festività pagana fu sostituita dagli antichi cristiani con la celebrazione della natività del Cristo, il vero sole. Tutte nozioni interessanti, per carità. Ma perché ci si debba scambiare i regali non lo sa nessuno.

Probabilmente, in origine, era solo un gesto simbolico. Un pensiero. Un “fare qualcosa per l’altro”. Dopotutto, l’essenza dello spirito natalizio è proprio l’altruismo. Ma da gesto simbolico – anche bello, se vogliamo – lo scambio di doni è diventato una piccola tortura, una mostruosa corsa al regalo capace di fare passare la voglia anche al più fomentato supporter dello spirito natalizio.
Perché fare un regalo di Natale è difficilissimo. Innanzitutto, bisogna trovare il regalo “giusto”: divertente, utile, originale e dall’eccellente rapporto qualità E, come se non fosse già abbastanza complicato, adatte al gusto della persona che lo ricerverà. Inoltre, non c’è periodo meno adatto per fare un regalo del periodo natalizio. Bisogna gettarsi in mezzo al traffico e affrontare la ressa in un centro commerciale, fra persone che spingono e prezzi che salgono.
E i commercianti. Che sanno di avere il coltello dalla parte del manico. Quest’ ultimo passo, però, ve lo potete risparmiare. Potete restare tranquillamente qui, a Garbatella. Dove troverete di tutto e, forse, anche il regalo giusto. Avete un figlio nerd? No, non vi offendete. Nerd vuol dire fissato con i videogiochi, i computer e questo genere di cose. Un tecnomaniaco, se preferite. Provate da Elettronic Fantasy, a via Licata.
Troverete tutti le nuove uscite videoludiche e anche, se volete risparmiare un po’, un vasto catalogo di usato.
I prezzi sono onestissimi, e i ragazzi che gestiscono l’attività gentili e disponibili.
Se invece siete tormentati da una moglie etno-chic, non vi resta che recarvi da “Le porte di Atlantide”, proprio di fronte ad Elettronic Fantasy. Qui potrete trovare magnifici geodi, lampade e soprammobili. Insomma, tutto il necessario del superfluo.
Chi ha desideri e necessità più concreti, invece, può recarsi da Sintesi, in piazza Albini. Megastore dell’elettrico e dell’elettronico, ha tutto: dai cellulari ai forni, dai televisori agli asciugacapelli.
Ancora non siete soddisfatti?
Cercate qualcosa di più originale?
Qualcosa che non si possa trovare da nessuna altra parte? Provate, allora, Suoni dal Mondo, a piazza Bartolomeo Romano. È un negozio di musica, ma molto particolare: vende solamente strumenti etnici, provenienti da tutto il mondo e di altissima qualità. Ognuno di questi strumenti musicali – dal prezzo, avvertiamo, non proprio popolare – può diventare benissimo un particolare d’arredamento. Non so voi, ma io un Sitar lo vorrei davvero.
Neanche questa opzione vi convince?
Forse, allora, siete stanchi di fare regali belli ma senza significato.
Forse, solamente forse, volete tornare all’essenza dello spirito del natale, il fare qualcosa per gli altri. Alla Villetta troverete quello che fa per voi. Un’offerta speciale, per permettervi di fare un regalo buono e che fa bene: vino doc delle Langhe. Vino buono. Ed il ricavato andrà al reparto oncologico del Sant’Eugenio.
Per aiutare chi soffre, almeno a Natale.

 

Copyright tutti i diritti riservati – Cara Garbatella Anno 2 – Dicembre 2005

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail