banner.png

Redazione

iniziative-alla-villettaIniziative alla Villetta

via Passino 26, 
via degli Armatori 6,   Roma
Alcune delle iniziative previste nell'ambito dell'estate 2014 alla Villetta
Vi ricordo che l'ingresso è gratuito, ed è previsto per chi vuole cena e posto di ristoro ,Birra, cocktail ecc.
Vi aspettiamo

free-jazzVenerdì 20 giugno ore 20,30 Concerto
Pasquale Innarella Quartet
dalle 20.00 è possibile cenare
Dalle 18.00 è possibile vedere la partita Italia Costarica
Pasquale Innarella sax tenore, alto e soprano.
Francesco Lo Cascio vibrafono.
Pino Sallusti contrabbasso
Roberto Altamura batteria.

Il quartetto propone brani jazz di Pasquale Innarella strutturati ed eseguiti nel linguaggio della new thing e del jazz contemporaneo, di conseguenza nel repertorio convivono brani tonali e brani modali, canzoni e free jazz.
Il sound del gruppo è caratterizzato dall’impasto timbrico tra il sax tenore dal suono grumoso e materico di Innarella e dal timbro dolce ed aulico del vibrafono di Francesco Lo Cascio.Il tutto sostenuto dalla fantasiosa e puntuale batteria di Roberto Altamura  e dal contrabbasso solido e possente di Pino Sallusti.

 
zoran-il-mio-nipote-scemoDomenica 22 giugno ore 21,30 Film
Zoran Il mio nipote scemo
dalle 20.00 è possibile cenare

Una commedia punteggiata da siparietti che si beve e lascia nel finale in bocca un sapore amabile e rotondo
Regia di Matteo Oleotto con Giuseppe Battiston, Il regista sarà presente
 

 

 

ciclistiGiovedì 26 giugno ore 21,30 Cineforum ciclisti
dalle 20.00 è possibile cenare

Pedalando sullo schermo: Cinema, viaggio e bicicletta, organizzato dall'associazione Cicloinverso: cultura e ciclabilità, con il patrocinio della Federazione Ciclistica Italiana e dell'Università Tor Vergata e la collaborazione di Cinemaitaliano.info. Proiezione del film Bologna - Londra in bici, incontro con la regista e con lo scrittore  Marco Palladini

Venerdì 27 giugno  ore 20,30 CARA GARBATELLA
anteprima GarbatellaJazzFestival
dalle 20.00 è possibile cenare

10 anni di ottimo jazz alla Villetta per l’anteprima:

Nicola Puglieri trio
Nicola Puglieri Chitarra
Gerardo Bartoccini Contrabbasso
Armando Sciommeri Batteria
Ospite Andrea Pace Sax tenore

Pasquale Innarella Quartet
“Uomini di Terra”

Pasquale Innarella sax tenore, alto e soprano
Francesco Lo Cascio vibrafono
Pino Sallusti contrabbasso
Roberto Altamura batteria.

pasquale-innarellaIl quartetto propone brani jazz di Pasquale Innarella strutturati ed eseguiti nel linguaggio della new thing e del jazz contemporaneo, di conseguenza nel repertorio convivono brani tonali e brani modali, canzoni e free jazz.
Il sound del gruppo è caratterizzato dall’impasto timbrico tra il sax tenore dal suono grumoso e materico di Innarella e dal timbro dolce ed aulico del vibrafono di Francesco Lo Cascio.
Il tutto sostenuto dalla fantasiosa e puntuale batteria di Roberto Altamura  e dal contrabbasso solido e possente di Pino Sallusti.
Il sound ricco e coinvolgente che ne deriva è il frutto di una laboriosa ricerca empatica effettuata dal gruppo sia durante le prove che durante i molti concerti tenuti.
La variegata tavolozza timbrica del quartetto prende le mosse dalla diversità espressiva dei singoli musicisti e dalla loro lunga esperienza come musicisti Jazz.
La musica che ne emerge è un ricco caleidoscopio di suoni con le radici saldamente piantate nel solco del Jazz.
Questo lavoro “Uomini di Terra” è un connubio di narrazione, attraverso la narrazione astratta del jazz di Pasquale Innarella e la parte visiva di luoghi e volti Irpini dagli inizi del 900 ad oggi raccontato dalle immagini dello scrittore Franco Arminio, e dei fotoreporter Mario Perrotta e Federico Iadarola.
Questo lavoro vede al centro della scena un intero popolo fatto di contadini, braccianti agricoli del sud italia e di Giuseppe Di Vittorio figura socio politica direttamente espressa da quella realtà che ha saputo riscattare, studiando di notte e restando al lavoro come bracciante al loro fianco di giorno, sarà proprio questo il motivo per cui li ha saputi così fortemente rappresentare sia come sindacalista delle camere del lavoro poi della CGIL, sia come parlamentare del PCI quando fù eletto al parlamento Italiano.
La figura di Giuseppe di Vittorio, che oggi trovo un po’ accantonata e relegata ai libri di storia, dovrebbe essere oggi più che mai un punto di riferimento per tutte le nuove generazioni che guardano a sinistra, e faccio tutto questo perché sento di avere un dovere morale nei confronti di quanti non hanno avuto la fortuna di incontrare contadini e braccianti che gli hanno raccontato le gesta di Di Vittorio e che ancora verso la fine degli anni 70 portavano nel loro cuore la forte emozione di averlo incontrato e di essere stati al suo fianco per le occupazioni delle terre incolte.
Io nel mio piccolo spero di far conoscere a più persone possibili la statura morale e politica di Giuseppe di Vittorio nella segreta speranza che tutti coloro che parteciperanno al concerto e vedono la proiezione siano sollecitate a conoscere e magari a studiarsi la figura di questo grande personaggio politico Italiano. Figura che oggi più che mai dovrebbe essere posizionata al centro della scena politica italiana.
Questo disco anche se di Jazz è dedicato al suo coraggio, e al coraggio di tutti i contadini e braccianti agricoli che negli anni 50 occuparono le terre incolte del sud italia per crearsi una vita migliore ed avere il riscatto sociale che meritavano.
Per dirlo nel linguaggio di Giuseppe Di Vittorio si può essere braccianti e contadini, ma un contadino o un bracciante che ha studiato, si è istruito ed è un uomo di cultura sarà certamente più utile a se stesso, alla sua famiglia e alla società in cui vive.

Pasquale Innarella Quartet
      “Uomini di Terra”

padre-guidoOggi, 8 marzo, Padre Guido compie 87 anni, 57 dei quali  vissuti alla Garbatella a stretto contatto con i giovani, dalle generazioni degli anni Sessanta fino a pochissimi anni fa.

Un sacerdote meneghino giunto nel 1957 a Roma in uno dei quartieri più problematici di quegli anni. Padre Guido, sacerdote anomalo, di poche parole, capace di comunicare con l’esempio e con la vita di tutti i giorni, ci ha trasmesso valori e un grosso senso dell’esistenza. E’ stato capace di coinvolgere e di trasmettere a migliaia di ragazzi il suo amore per la natura, la voglia della scoperta, il senso dello stare insieme. Dal Baronio alla Chiesoletta il prete ci ha insegnato a viaggiare, a guardare spesso il cielo, a cogliere i cambiamenti delle stagioni, dicendo che tutto questo non poteva essere frutto del caso: questa la preghiera che ci ha insegnato.

padre-guidoOggi le condizioni di salute di Padre Guido ci mostrano un sacerdote affaticato, fisicamente stanco, privo di quella vitalità che lo ha sempre caratterizzato. A tutti noi, ex ragazzi di tante generazioni, mancano quella serenità che il vecchio prete sapeva dare, quelle brevi o lunghe chiacchierate sempre ristoratrici, fatte di parole alcune volte anche dure ma vere. Egli, come i grandi saggi, ha sempre riconosciuto le fasi della vita, instancabile da giovane o come quando, a 80 anni, si decise ad uscire con il bastone, perché iniziava la sua vecchiaia. Oggi sicuramente sa accettare la sua malattia.

Tantissimi ragazze e ragazzi, donne e uomini nati e cresciuti alla Garbatella, che hanno ora dai 20 ai 70 anni, si riconoscono in uno stile di vita appreso da lui. Spesso i ricordi delle corse per il campo dell’oratorio, le partite di calcio, i turni per andare sull’ottovolante, le giornate al mare a Torvaianica aleggiano nei nostri ricordi. Con una sorta di nostalgia si riesce a rimpiangere perfino qualche scappellotto e qualche “vai fuori dall’oratorio”, che ricadeva su di noi come la peggiore delle punizioni.

Auguri di cuore da tutti noi.

palladium

 Roma Tre Orchestra

28-febbraio-2014  

28 febbraio 2014, ore 20.30 - Teatro Palladium, p.za B. Romano 8

Il secondo Novecento, tra musica colta e musica d’occasione
A. Piazzolla: Cafè 1930; Nightclub 1960; Milonga del Angel
S. Barber: Adagio per archi
N. Rota: dalla colonna sonora del film “Il Padrino” e “Romeo e Giulietta”, Fantasia su temi vari
E. Morricone: dalla colonna sonora del film “Per le antiche scale”, Tema principale
H. Mancini: Moon River; Baby Elephant Walk; I girasoli; Pink Panther


 

Roma Tre Orchestra Ensemble

14  marzo 2014, ore 20.30 – Teatro Palladium, p.za B. Romano 8

Fiesta! I diversi colori della musica
F. Schubert: Sinfonia n. 8 in si minore D 759 “Incompiuta”
G. Fauré: Elegia per violoncello e orchestra
P. I. Tchaikovsky: Serenade malancolique per violino e orchestra
P. Hindemith: Trauermusik per viola e orchestra
P. I. Tchaikovsky: Souvenir d'un lieu cher, Op.42 per violino e orchestra
 
violino solista: Marco Fiorentini
viola solista: Lorenzo Rundo
violoncello solista: Marco Simonacci

Orchestra degli allievi del Conservatorio di Santa Cecilia
direttore: Giuseppe Lanzetta

4-aprile-2014   4 aprile 2014, ore 20.30 - Teatro Palladium, p.za B. Romano 8

L’Europa musicale prima della Grande Guerra
J. Strauss Jr: Rosen aus dem Süden op. 388 (arr. Schönberg)
G. Mahler: Rückert-Lieder, per voce ed ensemble (arr. Grossmann)
L. Gregoretti: Immaginario esteso
A. Berg: Sieben frühe Lieder, per voce ed ensemble (arr. De Leeuw)
E. Wolf - Ferrari: Sinfonia da camera op. 8
 
Roma Tre Orchestra
soprano: Ines Krome
direttore: Will Humburg


29-aprile-2014   29 aprile 2014, ore 20.30 – Teatro Palladium, p.za B. Romano 8
La musica Eroica
W. A. Mozart: Sinfonia n. 38 in re maggiore K 504 “Praga”
L. v. Beethoven: Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica”
 
Roma Tre Orchestra
direttore: Luigi Piovano

15-maggio-2014   15 maggio 2014, ore 20.30 - Teatro Palladium, p.za B. Romano 8
Musica per film e musica nel film: un progetto Kronos Records
F. Valitutti: dalla colonna sonora del film “Th3 Pit”, Suite
G. Fauré: Pavane op. 50
C. Young: dalla colonna sonora del film “The Tall Man”, Suite
C. Debussy: da “Suite bergamasque”, Clair de lune
A. Örvarsson: dalla colonna sonora del film “Colette”, Suite
M. Ravel: Pavane pour une infante défunte
F. De Masi: dalla colonna sonora del film “Eroe Vagabondo”, Suite
P. Mascagni: da “Cavalleria Rusticana”, Intermezzo
 
mezzosoprano: Jee Hee Han
voce narrante: Gabriele Hintermann
Roma Tre Orchestra Ensemble

Biglietto singolo: € 12,00
ridotto bibliocard: € 8,50
ridotto (under 35 / over 65 / personale Roma Tre): € 7,00
I biglietti possono essere acquistati la sera stessa dei concerti, presso il luogo dell'evento a partire da un'ora prima dell'orario di inizio.
Si ricorda che Roma Tre Orchestra è un'Associazione e gli iscritti hanno la possibilità di accedere ad ogni concerto al prezzo simbolico di € 2,00, escluso il costo iniziale di iscrizione, che per l'anno 2014 varia nel seguente modo:
Under 16: € 15,00
Under 35 e Over 65: € 25,00
Personale TAB Università Roma Tre: € 25,00
Personale Docente Università Roma Tre: € 30,00
Tessera standard: € 35,00

L'acquisto della tessera è possibile online, in tutta sicurezza grazie al sistema Paypal, direttamente dal nostro sito, accedendo direttamente da questo link, oppure di persona, a margine di tutti gli eventi musicali organizzati da Roma Tre Orchestra, o per appuntamento, scrivendo a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti oad alcuni cookie cliccare sulla sezione